L’astensione

“”Ciò che è dannoso nel mondo non sono gli uomini cattivi, ma il silenzio di quelli buoni” questa sembra sia una frase di Martin L.King. Astenersi dal voto potrebbe essere una delle scelte peggiori per le prossime poliche. Bisognerebbe pensare a tutti coloro che sono “obbligati” a votare per politici mafiosi o paramafiosi, in particolare in Sicilia e in gran parte dell’Italia centromeridionale. Se uno abita in un luogo dove ha la libertà di opporsi alle diverse camarille politiche diversamente da quelle persone che ci sono immerse fino al collo, secondo me è suo dovere usare la libertà elettorale per fare la scelta migliore anche per loro. Non sto qui a dilungarmi sui modi con cui il centrodestra ha incoraggiato in questi anni le organizzazioni malavitose e l’illegalità. Il discorso rimane valido anche per chi non ritiene quest’ultima asserzione corretta. In ogni caso chi è libero, dovrebbe usare il suo arbitrio e la sua intelligenza per scegliere le persone o il partito più utile all’Italia, o meno corrotto. Anche perché tutti quelli che votano per interesse personale o per ottusità, per lobby o clientelismo, quelli ci vanno sempre a votare. E sono alla base di quel sistema perverso italiano per cui da un lato è sempre difficile schiodare chi sta al potere, dall’altro non sono premiati i migliori e i più diligenti nei concorsi e in ogni ambito della vita pubblica. E’ vero, nel sistema bipolare l’astensione può diventare un’arma per cambiare la politica. Avvenne a Bologna, quando la sinistra perse il Comune dopo 50 anni perché molti elettori di sinistra non andarono a votare. Avverrà senza dubbio nei confronti del centrodestra alle prossime politiche. Molti elettori liberali “sinceri” non potranno sentirsi rappresentati da questo centrodestra e sceglieranno magari di non andare per nulla alle urne, di lanciare un segnale perché Berlusconi si faccia da parte e la coalizione si rinnovi. Naturalmente l’astensione può esserci anche da parte di un elettore di sinistra, se deluso dall’opposizione, anche se sarebbe molto meno utile nella pratica. Ma al di là di questo, la mia opinione è che bisogna andare a votare. Cerchiamo il meno peggio. Da parte mia penso che bisognerebbe incoraggiare soprattutto l’ecologia e la legalità. Ma ognuno ripensi alla frase di Luter King e ne tragga pure le sue personali valutazioni!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: